Via Centotrecento

Via Centotrecento

Ormai ribattezzata la via del falafel per la presenza dell’arcinota caffetteria palestinese Al Salam, via Centotrecento è stata la nostra prima meta. Battuta molto spesso da studenti e professori,è una strada in cui si possono ascoltare molte tante voci: ci si può fermare a mangiare una pizza (ma solo se si ha parecchia moneta e almeno altrettanta voglia di farsi due risate con i camerieri) o, ancora per poco perché l’attività sta chiudendo, cercare qualche pensierino in stile vintage,lasciandosi consigliare dalla proprietaria,una super vamp,decisamente alla moda. Se si ha voglia invece,di scoprire i tesori nascosti della città,si può iniziare con una visita al collegio Venturoli, sede dell’archivio storico dell’architetto Giacomo Venturoli,che oggi sostiene economicamente giovani artisti bolognesi. Ma forse,ciò che più caratterizza via Centotrecento e che ormai dal 1991 ne è divenuto IL punto di riferimento è la sopracitata caffetteria palestinese. Qui si è travolti dalla gentilezza e dalla loquacità del proprietario: il Dottor Jamil, signore di mezza età che non perderà l’occasione di intrattenervi con le sue divertenti ed interessantissime storie;  non solo caffè però,Al Salam è in grado di offrirvi tutti i sapori della palestina,dalla colazione sino alla cena,perfetto per le tasche di uno studente ed assolutamente squisito. (un consiglio spassionato? i dolcetti al semolino!)

Curiosità:

Sull’etimo di “centotrecento” circolano varie versioni: secondo la prima si sarebbe ricordata la correzione della durata dell’anno solare sotto Giulio Cesare, quando furono aggiunti 100 giorni ai 300. Una seconda versione più folkloristica identifica in 100 e 300 lire le tariffe di una prostituta (avrebbe dovuto essere una vera star, per farsi addirittura dedicare una via, o quantomeno molto cheap). Filologicamente più convincente è la terza ipotesi secondo cui l’origine sarebbe dialettale: “cento trasende“- zànt tarsànd – e cioè “cento finestre”.  (fonte per l’etimo: ilbolognese.blogspot.com)

QUI i video dell’intervista al Dottor Jamil !

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...